ITA | ENG

Blog

ACCETTA L'UTILIZZO DEI COOKIES PER VEDERE QUESTO CONTENUTO

Firenze da scoprire attraverso un insolito itinerario

Pubblicato il

La bellezza e il prestigio di Firenze sono ri-conosciuti ovunque, dalla Cattedrale di Santa Maria del Fiore, che un tempo era la più grande chiesa del mondo; passando per Ponte Vecchio la quale bellezza conquistò anche il cuore di Gerhard Wolf, politico tedesco, che ebbe il merito di salvaguardare dalla seconda guerra mondiale questa meraviglia storica.
Una passeggiata in giro per Firenze riempie gli occhi di bellezza anche “solo” per tutti i bellissimi palazzi pubblici e privati che vi si incontrano, uno fra tutti Palazzo Spini Ferroni, oggi sede della maison Ferragamo, un tempo fu il più grande palazzo privato di Firenze, l’unico a poter competere con Palazzo Vecchio, sede del potere Politico della famosa famiglia Medici, costruito in quegli stessi anni alla fine del XIV secolo; ed è proprio da qui che iniziamo il nostro insolito itinerario:

Lasciandosi alle spalle il palazzo, a pochi passi dalla Colonna della Giustizia, che si erge in mezzo alla piazza, al numero 76 di via Porta Rossa si trova il Museo Bottega Antonio Mattei, dove sono raccolti i documenti che raccontano 162 anni del nostro Biscottificio Antonio Mattei, detentore dell’originale ricetta dei Biscotti di Prato (detti anche Cantucci o Cantuccini); qui potete gustare un buon caffè accompagnato da uno di questi famosi biscotti, e fare la scorta di energie per la passeggiata.

Andiamo in direzione della Fontana del Porcellino, la statua è in realtà un giovane cinghiale scolpito nel Seicento da Pietro Tacca, che fa da guardiano alla Loggia del Mercato Nuovo, luogo considerato portafortuna dai fiorentini, al centro del quale si trova la Pietra dello scandalo, dove venivano puniti i debitori inadempienti.

Proseguendo in direzione dell’Arno, ci ritroviamo di fronte al Ponte Vecchio, a sinistra percorriamo il lungarno imboccando il suggestivo portico sotto il Corridoio Vasariano per goderci tutta la magia dell’Arno e andiamo verso la Torre di San Niccolò, l’unica torre di Firenze che ha mantenuto la sua altezza originaria, oggi è anche visitabile: un camminamento che porta, dopo 160 gradini, a beneficiare di una vista mozzafiato a 360 gradi.

A questo punto vi consigliamo una piccola sosta nel quartiere di San Niccolò e poi due splenditi giardini vi attendono a seconda del periodo dell’anno:

Il Giardino dell’Iris dove poter godere anche di splendidi tramonti primaverili, dal 25 Aprile – 20 Maggio, tutti i giorni (anche festivi) e il Giardino delle Rose aperto quasi tutto l’anno, ma strepitoso durante il periodo della fioritura a maggio e giugno, al suo interno si trovano anche 12 sculture del visionario artista belga Jean-Michel Folon.

 Vi auguriamo una splendida giornata!

 

 

Foto di Josh Hild di Pexels

ACCETTA L'UTILIZZO DEI COOKIES PER VEDERE QUESTO CONTENUTO